Quattro persone arrestate, un chilo di droga sequestrata, un rave party sventato e otto automobilisti sanzionati. È il bilancio dei controlli effettuati nella notte dell’ultimo dell’anno dai carabinieri del comando provinciale di Torino nel capoluogo piemontese e nell’hinterland. A Torino sono stati fermati due giovani di origine egiziana, che nel quartiere di Barriera Milano avevano appena rapinato un coetaneo marocchino, togliendoli con violenza una collanina.

Il rave sventato

A Nichelino, a sud della Città metropolitana, cinque pattuglie sono dovute intervenire in un’area industriale dismessa, dove alcuni giovani avevano tagliato la rete di recinzione ed erano entrati per organizzare un rave party. In tre sono stati denunciati e la presenza delle gazzelle con i lampeggianti accesi ha impedito che altri raggiungessero il luogo, ampiamente pubblicizzato sui social network.

Le altre operazioni

A Ciriè, nella prima cintura torinese, a finire in manette è stato un italiano di origine ucraina trovato in possesso di un un chilo di hashish, suddiviso in dodici panetti. Qualche ora più tardi altri equipaggi hanno raggiunto l’abitazione di un pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari che, in stato alterazione dovuta all’assunzione di alcol, si è reso violento nei confronti della convivente, poi medicata dai sanitari per escoriazioni al volto, al collo e agli arti superiori. L’uomo è stato portato in carcere. Pochi gli automobilisti per strada e in otto sono stati sanzionati per spostamenti non consentiti. 

© Riproduzione riservata