Cultura

Il racconto

Il libro è diventato un gadget perfetto per chi vuole una borsa

Cominciò tutto a causa di un editor impiccione, che fece capolino nella sala marketing durante la consueta riunione annuale per le promozioni estive. «E se regalassimo una shopper?» propose, con una vocetta melliflua. La cosa lì per lì non convinse molto il marketing e invece quell’estate l’iniziativa ebbe un successo pazzesco. «La vera domanda però è: tra il libro e la borsa qual è il gadget?»

GUARDARE IL PRESENTE

Quel paesaggio psichico sfondo delle nostre vite sospese

Durante i primi mesi della pandemia, bloccato in una piccola isola nel sud-est asiatico, non ho scritto una parola. Fotografavo. E solo oggi capisco che in quelle immagini riversavo la mia inquietudine di fronte agli eventi

Cent’anni di solitudine

Un buen día a Macondo, la città immaginaria di García Márquez

Da Santa Marta un autobus locale porta in un paio d’ore ad Aracataca, un paesino che lo scrittore ha reso famoso con il nome di Macondo. Molti lettori di Cent’anni di solitudine (1967) non sanno che il mitico luogo descritto nella bibbia del realismo magico sudamericano partecipa della doppia natura di quello stesso movimento letterario