Un altro intruso è passato dal nostro sistema solare. Gli astronomi hanno scoperto un nuovo oggetto interstellare: una cometa che ora, grazie alle più recenti osservazioni, si scopre essere probabilmente la più incontaminata che abbiamo mai conosciuto. Prima di avvicinarsi al sole, nel 2019, non avrebbe mai incrociato una stella. Significa che potrebbe essere la stessa nuvola di gas e di polvere, immutata dalla nascita: come una reliquia che ha attraversato lo spazio sopra di noi. E che proviene da molto lontano.

La scoperta ha una grande importanza scientifica, ma è affascinante anche per chi non è uno specialista. È infatti solo il secondo “visitatore interstellare” che possiamo studiare con questa precisione. Sono corpi celesti che provengono dall’esterno del nostro sistema solare e che ci “fanno visita”, durante il loro lungo viaggio. Il primo era un asteroide scoperto nel 2017, chiamato Oumuamua, parola hawaiiana che significa “il messaggero proveniente da lontano”. 

Avi Loeb, a capo del dipartimento di astronomia di Harvard, ha da poco pubblicato un libro in cui sostiene che Oumuamua sia un oggetto alieno, di una tecnologia a noi ancora sconosciuta. Una teoria affascinante che però non può essere dimostrata scientificamente. Gli oggetti interstellari sono comunque corpi celesti colmi di mistero, o quanto meno sfidano le nostre conoscenze.

Questa immagine \\u00E8 stata scattata grazie al Very large telescope dell'Eso\\u00A0alla fine del 2019, quando la cometa 2I/Borisov \\u00E8 passata vicino al sole. Poich\\u00E9 la cometa viaggiava a una velocit\\u00E0 vertiginosa, di circa 175mila\\u00A0chilometri all'ora, le stelle sullo sfondo appaiono come strisce di luce. I colori di queste strisce, che danno un aspetto psichedelico alla foto, sono in realt\\u00E0\\u00A0il risultato della combinazione di pi\\u00F9 osservazioni, in diverse bande di lunghezza d'onda.
Questa immagine è stata scattata grazie al Very large telescope dell'Eso alla fine del 2019, quando la cometa 2I/Borisov è passata vicino al sole. Poiché la cometa viaggiava a una velocità vertiginosa, di circa 175mila chilometri all'ora, le stelle sullo sfondo appaiono come strisce di luce. I colori di queste strisce, che danno un aspetto psichedelico alla foto, sono in realtà il risultato della combinazione di più osservazioni, in diverse bande di lunghezza d'onda.

Borisov

La cometa errante si chiama 2l/Borisov. Prende il nome da Gennady Borisov, un astronomo amatoriale russo che l’ha scoperta nell’estate del 2019. Ora sono stati diffusi i risultati delle osservazioni compiute attraverso il Vlt, il very large telescope dell’Eso (l’osservatorio europeo australe) in Cile e pubblicati su Nature communication e Nature astronomy. Stefano Bagnulo dell’Osservatorio planetario di Armagh, in Irlanda del Nord, spiega che quella osservata «potrebbe rappresentare la prima cometa veramente incontaminata mai osservata».

C’è solo un precedente. Sul finire degli anni Novanta aveva fatto molto parlare la cometa Hale-Bopp, anche perché era facilmente visibile a occhio nudo. Allora gli astronomi avevano teorizzato che Hale-Bopp fosse passata solo una volta vicino al sole, subendo un’influenza minima dal vento e dalle radiazioni solari. Sembra però che 2l/Borisov sia ancora più incontaminata.

La cometa Hale-Bopp fotografata in Germania, il 2 aprile 1997 (Foto Ralf Hirschberger/picture-alliance/dpa/AP Images)

Pianeti giganti

Bin Yang è un astronomo dell’Eso in Cile e fra gli autori dello studio: «Immagina quanto siamo stati fortunati. Parliamo di una cometa che proviene da un sistema distante anni luce da noi e che, per puro caso, è venuta a farci visita». 

Yang e la sua squadra hanno studiato i granelli di polvere di 2l/Borisov per capire come si è formata. Hanno scoperto che la chioma della cometa – l’involucro di polvere che circonda il corpo principale – contiene dei ciottoli molto compatti. Sono granelli di circa un millimetro o poco più. La quantità relativa di monossido di carbonio e acqua nella cometa è cambiata drasticamente man mano che il corpo celeste si avvicinava al sole.

Sembra che la materia che compone la cometa si sia mescolata, partendo dalla prossimità della stella e andando poi sempre più lontano. La teoria degli astronomi è che la cometa provenga da un sistema diverso dal nostro. Un posto dove ci sono pianeti giganti, che attraverso la loro forza di gravità agitano il materiale nel sistema.

(ESO/M. Kormesser)

© Riproduzione riservata