Il loro è stato un matrimonio breve e fotografatissimo: il bad boy più pagato Hollywood, il pirata dei Caraibi Johnny Depp con Amber Heard, attrice di serie televisive e 23 anni meno di lui.

La loro relazione è durata dal 2012 al 2016, il matrimonio appena 15 mesi, celebrato nella villa di lui e poi nella sua isola privata alle Bahamas.

In pieno Metoo, la favola si infrange nel peggiore e più mediatico dei modi. 

Nel 2016 Hard ottiene un’ordinanza restrittiva contro il marito dopo essersi presentata in aula con il viso tumefatto, sostenendo che Depp le avesse tirato addosso un cellulare. L’attore ha sempre negato le accuse, sostenendo invece che quella notte ad essere stata violenta fosse lei.

Nel 2017 il divorzio viene finalizzato e di fatto finisce anche la carriera di Depp: canceled, come si dice negli Stati Uniti.

Pochi mesi dopo, infatti Heard scrive un editoriale sul Washington Post in cui sottintende di aver subito violenze fisiche nel corso del matrimonio definendosi «un pesonaggio pubblico che rappresenta la violenza domestica», anche se nell’articolo Depp non viene mai citato.

Il taboloid inglese The Sun lo definisce un «picchiatore di mogli», la cosa finisce in tribunale per diffamazione ma Depp perde, in quello che diventa il primo tempo della sua battaglia per convincere l’opinione pubblica che le accuse a suo carico siano infondate.

Progressivamente, intanto, la sua carriera inizia a frenare: salta il suo contratto con la Warner Bros per il film della saga di Harry Potter, Animali fantastici 3, e Netflix cancella dalla piattaforma statunitense tutti i suoi film e viene espulso anche dal franchise Disney sui Pirati dei Caraibi.

Lui, però, si è sempre detto innocente e ha rifiutato ogni accusa della Heard, sostenuto dalla ex moglie Vanessa Paradis e dalla figlia Lily Rose, che hanno testimoniato in suo favore nel corso del processo inglese.

Oggi, a distanza di cinque anni dal divorzio, è in corso un processo per diffamazione intentato da Depp nei confronti di Heard per un risarcimento del danno da 100 milioni di dollari.

Depp sostiene che la violenta nella coppia fosse la Heard e che le sue accuse nei suio confronti abbiano prodotto la rescissione del suo contratto con la Disney per tutti i futuri progetti.

Amber Heard ha controaccusato Depp chiedendo a sua volta 50 milioni di dollari, perchè lui le avrebbe scatenato contro una campagna online che ha prodotto la fine del suo contratto con due case cosmetiche.

Ora il mondo dei media occidentali è sintonizzato su Fairfax County, in Virginia, dove il processo Depp versus Heard sta riempiendo le pagine dei tabloid e dei giornali di gossip.

Ora è finita la parte del processo in cui Johnny Depp ha presentato le sue ragioni ed è stato un massacro mediatico per l’ex moglie. Heard ha provato a chiedere la dismissione del caso, sostenendo che Depp non abbia dimostrato a sufficienza la sua pretesa di diffamazione. Il giudice, invece, ha ritenuto che il processo debba andare avanti e toccherà a Heard raccontare la sua versione dei fatti.

Actress Amber Heard returns to the courtroom after a break at the Fairfax County Circuit Court in Fairfax, Va., Tuesday, April 26, 2022. Actor Johnny Depp sued his ex-wife Amber Heard for libel in Fairfax County Circuit Court after she wrote an op-ed piece in The Washington Post in 2018 referring to herself as a "public figure representing domestic abuse." (Brendan Smialowski/Pool Photo via AP)

Accuse e controaccuse

Come tutti i processi pubblici che riguardano personaggi famosi, il clima in udienza è infuocato: il processo, iniziato il 12 aprile a causa di uno slittamento di quasi due anni dovuto al Covid, dovrebbe durare circa 6 settimane prima delle requisitorie finali.

Secondo Amber Heard, l’ex marito sarebbe stato violento sia fisicamente che verbalmente con lei durante tutta la loro relazione e ha indicato alcuni episodi in cui la avrebbe presa per i capelli e sbattuta a terra. 

Depp, invece, sostiene che dei due quella violenta sia sempre stata lei e di non aver mai fatto del male a una donna. 

Nella denuncia, si legge che le accuse di abuso sostenute da Heard sarebbero una «menzogna ben architettata» che è costata a Depp la carriera.

Molte delle cose fino ad ora ascoltate nel processo non sono nuove perchè facevano parte anche del processo inglese perso da Depp contro il The Sun, tuttavia i dettagli occupano di nuovo le prime pagine dei giornali, con colpi di scena inaspettati.

Judge Penney Azcarate, center, speaks to the attorneys in the courtroom at the Fairfax County Circuit Court in Fairfax, Va., Tuesday, April 26, 2022. Actor Johnny Depp sued his ex-wife actress Amber Heard for libel in Fairfax County Circuit Court after she wrote an op-ed piece in The Washington Post in 2018 referring to herself as a "public figure representing domestic abuse." (Brendan Smialowski/Pool Photo via AP)

Bottiglie e pugni sulle pareti

Nel corso del processo, a cui non ha ancora testimoniato Amber Heard, è stata ripercorsa la vita e la carriera di Depp.

In particolare, la sorella ha raccontato di come la loro infanzia fosse trascorsa in un clima di violenza domestica: «Mia madre lo picchiava, ma lui non ha mai reagito nemmento quando è diventato più grande».

Depp è stato al centro di un duro contro interrogatorio da parte dell’avvocato dell’ex moglie, che gli ha chiesto del suo abuso di alcool e droghe: «Se qualcuno aveva un problema con il mio abuso di alcol, in qualsiasi momento della mia vita, quello ero io. L'unica persona di cui ho mai abusato è me stesso». 

Gli avvocati hanno anche mostrato alla giuria un video registrato da Amber Head in cui si vede Depp, evidentemente ubriaco, che sbatte contro i mobili della cucina: «Ho preso di mira il mobile della cucina, non ho ho toccato la signora Heard», ha risposto lui, dicendo che se lei era così spaventata non capiva come potesse stare lì a filmarlo di nascosto.

Tra audio e video in cui i due litigano e si accusano ( in uno si sente Heard che si scusa, dicendo «Non ti ho preso a pugni, ti stavo colpendo ma non ti stavo prendendo a pugni»).

Un episodio è tornato al centro del processo, a sostegno della tesi di Depp: dopo la festa per il 30 anni di Heard, i due hanno avuto una nuova lite. Secondo il racconto di Depp, «la signorina Heard è entrata nella camere mentre ero sdraiato su un lato del letto a leggere. Stava ancora snocciolando tutti i torti che le avevo fatto quel giorno, quanto ero inaffidabile, che ero una persona orribile. Io non ho mosso un dito e non ho detto una parola, ma lei mi è venuta addosso e ha iniziato a colpirmi in faccia, alla testa, al collo, qualsiasi cosa riuscisse a colpire». Dopo le botte, lei gli avrebbe lanciato una bottiglia rotta e questa gli è finita sulla mano, quasi amputandogli un dito. 

In aula è stata sentita anche la psicologa forense Shannon Curry, assoldata dai difensori di Depp, che ha ritenuto di poter diagnosticare a Heard un disturbo borderline di personalità dopo aver studiato gli atti processuali e un colloquio di 12 ore con la donna.

Il disturbo, secondo la dottoressa, potrebbe comportare «manipolazione per cercare di soddisfare i propri bisogni» e «chi ne soffre può agire in maniera violenta sia fisicamente che psicologicamente. Ed è spesso incline ad abusare dei suoi partner». Inoltre, ha sostenuto che la donna non abbia davvero sofferto di disturbo post-traumatico da stress dopo la fine della relazione con Depp.

Clinical and forensic psychologist Dr. Shannon Curry, testifies in the courtroom at the Fairfax County Circuit Court in Fairfax, Va., Tuesday, April 26, 2022. Actor Johnny Depp sued his ex-wife actress Amber Heard for libel in Fairfax County Circuit Court after she wrote an op-ed piece in The Washington Post in 2018 referring to herself as a "public figure representing domestic abuse." (Brendan Smialowski/Pool Photo via AP)

Il fondotinta

Altra questione che sembrerebbe sconfessare la versione di Heard. Nel corso delle udienze, l’avvocato dell’attrice ha raccontato che la donna ha sempre portato con sè durante a relazione con Depp un fondotinta per corpire i segni delle botte. Addirittura, è entrato nello specifico dicendo che si trattava di un kit all-in-one della Milani: la compagnia, però, è intervenuta sui social per smentire la versione, mostrando che il lancio di quel particolare tipo di fondotinta è avvenuto nel 2017. Quindi un anno dopo i presunti abusi, che sarebbero avvenuti tra il 2014 e il 2016. 

Per ora, nel corso del processo, ha avuto spazio la posizione di Depp e Heard non è ancora stata ascoltata in aula, ma la versione potrebbe velocemente capovolgersi nei racconti di lei.

Actor Johnny Depp listens during the trial at the Fairfax County Circuit Court in Fairfax, Va., Tuesday, April 26, 2022. Depp sued his ex-wife actress Amber Heard for libel in Fairfax County Circuit Court after she wrote an op-ed piece in The Washington Post in 2018 referring to herself as a "public figure representing domestic abuse." (Brendan Smialowski/Pool Photo via AP)

I social

Intanto, il processo è diventato uno degli eventi più seguiti soprattutto su twitter. I sostenitori di Depp hanno lanciato l’hashtag #JusticeforJohnny.

I video delle udienze, invece, sono stati caricati su Youtube e contano decine di milioni di visualizzazioni, soprattutto quelli con le testimonianze di Depp. Nelle prossime settimane, poi, verranno ascoltati come testimoni molti vip, da James Franco a Elon Musk, che sarebbe stato amante di Heard nei primi mesi del matrimonio.

In risultato è quello di un processo senza esclusione di colpi e di domande, con video in aula che raccontano del clima tossico della relazione e della brutalità dei litigi e delle discussioni. 

Difficile dire come finirà, proprio perchè manca ancora la posizione di Heard. Tuttavia, il processo si è già trasformato in un grande reality show, in cui è difficile immaginare come uno dei due possa uscire vincitore, se non sul piano economico.

© Riproduzione riservata