Storia di un’occupazione

Politica, soldi, litigi: ecco l’altra faccia del Cinema America

Valerio Carocci insieme ad alcuni soci e volontari dell'Associazione Piccolo Cinema America a Trastevere nel giugno 2019
Valerio Carocci insieme ad alcuni soci e volontari dell'Associazione Piccolo Cinema America a Trastevere nel giugno 2019
  • Se c’è un posto che simboleggia la sinistra romana, colta e urbanizzata,  è il Piccolo Cinema America: nato dieci anni fa da un’occupazione della sinistra radicale è diventata una delle più importanti realtà culturali della capitale.
  • Nei suoi cinema all’aperto registi impegnati si incontrano con politici del Pd. La sua storia e quella delle aggressioni subite è arrivata su tutti i principali giornali italiani e sulla stampa internazionale.
  • Ma la pubblicazione di un video che mette in dubbio il racconto fatto da giornali e testimoni di un’aggressione subita dal presidente dell’associazione Valerio Carocci, riapre uno squarcio su un capitolo controverso e dimenticato nella storia dell’associazione.

Per continuare a leggere questo articolo

“Fin dalla sua nascita Domani ha cercato di riempire un vuoto: in Italia il dibattito pubblico è dominato da quarant’anni dalle stesse facce e dalle stesse opinioni. Per questo abbiamo cercato di trovare e dare risalto a prospettive, voci e idee più giovani e fresche. Soprattutto nelle pagine della cultura abbiamo dato fiducia a scrittori e scrittrici, artisti di ogni genere, per esporvi ed esporci a punti di vista spiazzanti, originali, per farci magari divertire, talvolta arrabbiare, sempre pensare. Se pensi che questo lavoro sia importante, aiutaci a farlo crescere con un abbonamento annuale. Così sarai parte della comunità di Domani.”
Stefano Feltri