Domani è tra i pochissimi giornali al mondo nati durante la pandemia, tra riunioni via Zoom, smart working e mascherine. Per oltre un anno ha potuto dialogare con i suoi lettori soltanto a distanza, finalmente è arrivato il momento di incontrarci con il primo evento dal vivo, a Parma, il prossimo weekend.

Trovate il programma completo qui sul sito, dove potete prenotarvi per gli eventi (tutto gratuito, ma in epoca Covid serve la prenotazione).

Sul palco dell’Auditorium Paganini di Parma, sabato 23 e domenica 24 ottobre,  Domani porterà i temi, i protagonisti e le sfide di un anno di giornalismo investigativo e di approfondimento. Anche esponenti del governo spesso oggetto degli articoli di Domani (i ministri Cingolani e Cartabia, il sottosegretario Amendola) hanno accettato di venire a confrontarsi.

Un anno di Domani: scopri i nostri abbonamenti

Domani è un giornale di inchieste ma anche di analisi, idee e cultura, e quindi a Parma ci saranno grandi scrittrici e scrittori, influencer, artisti, per raccontare l’Italia di oggi e soprattutto quella di Domani.

Per info e prenotazioni: https://parma.editorialedomani.it/ 

A Parma si parlerà di politica, ma non solo. Nicola Imberti, vicecaporedattore di Domani, discuterà di quello che succede a sinistra intorno ai grandi partiti con Elly Schlein, vicepresidente dell’Emilia-Romagna, e con il sindaco di Parma Federico Pizzarotti.

Il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani risponderà alle domande di Ferdinando Cotugno, curatore della newsletter di Domani Areale, e alle mie. A cominciare dalla questione principale: chi pagherà il costo della svolta verde?

Domani anche è il giornale che ha rivelato gli abusi della polizia penitenziaria nel carcere di Santa Maria Capua Vetere e la catena di complicità istituzionali che hanno provato a occultarli. Cosa è cambiato dopo quell’inchiesta? La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha accettato l’invito a parlarne, sarà anche l’occasione per discutere delle sue riforme approvate nei mesi scorsi che hanno scatenato accesi dibattiti.

A Parma ci sarà anche Vincenzo Amendola, sottosegretario con delega agli Affari europei che ha risolto un caso di cui Domani molto si è occupato, quello di Ikram Nazih, ragazza italo-marocchina imprigionata in Marocco per un post su Facebook considerato blasfemo. Amendola discuterà con il caporedattore di Domani, Mattia Ferraresi, di cosa può fare l’Italia in un contesto europeo e internazionale sempre più confuso. 

Gli esperti di questione giudiziarie e criminalità organizzata di Domani – Attilio Bolzoni, Nello Trocchia e Giulia Merlo – ragioneranno sul rischio che le mafie rafforzino la loro presa sul paese in questa fase di rapida espansione finanziata dai fondi europei.

Un team di giornalisti di inchiesta di Domani – Emiliano Fittipaldi, Giovanni Tizian e Giovanna Faggionato – si confronteranno con il conduttore di Presadiretta Riccardo Iacona su come affrontare i pericoli del giornalismo di inchiesta, tra querele milionarie, minacce e depistaggi.

Daniela Preziosi dialogherà poi con due artisti che hanno trasformato il disegno in strumento di battaglia politica e culturale, anche se in modi molto diversi: Sergio Staino, il creatore di Bobo, e Gianluca Costantini, illustratore di Domani che ha messo il suo tratto al servizio di tante cause, come quella per la liberazione di Patrick Zaki.

Tra politica e cultura c’è poi un evento tutto dedicato a Parma, con un grande scrittore Paolo Nori, che racconterà la città assieme all’assessore alla Cultura Michele Guerra, stimolati da Beppe Cottafavi, editor delle pagine culturali di Domani.

Sono tanti gli scrittori e le scrittrici che si sono alternati sulle pagine di Domani nel primo anno di pubblicazioni, molti di loro saranno a Parma: Ugo Cornia per una delle sue surreali letture, Jonathan Bazzi che parlerà di amori irregolari con Giulia Pilotti, curatrice della posta del cuore di Domani, Tiziano Scarpa che discuterà con Beppe Cottafavi del suo “sindacalista di personaggi”, Walter Siti e Alessandro Piperno affronteranno la grande questione del rapporto tra letteratura e impegno.

Alla letteratura è arrivata anche Camilla “Camihawke” Boniardi, autrice best seller di un apprezzato romanzo dopo aver costruito una fedelissima comunità su Instagram.

Le due serate saranno chiuse rispettivamente dallo spettacolo “Tornare sulla luna” di Marco Paolini (sabato) e dalla presentazione-evento del libro “L’uomo ricco sono io”, con Michela Murgia e Chiara Tagliaferri.

A Parma ci saranno anche l’editore di Domani, l’Ingegnere Carlo De Benedetti, e il presidente della società editoriale, Antonio Campo Dall’Orto che faranno il loro bilancio del primo anno del quotidiano.

Sarà anche tutto in streaming sul sito, ma speriamo che siate anche voi curiosi di passare da questo nostro rapporto digitale a uno finalmente reale.

Per info e prenotazioni: https://parma.editorialedomani.it/​​​​​​​ 

© Riproduzione riservata