IL VERTICE

Quello di ottobre è stato l’ultimo Consiglio europeo di Angela Merkel, questo di dicembre è il primo con Olaf Scholz al governo in Germania. Questa mattina i capi di stato e di governo dell’Unione iniziano la discussione con il tema Covid-19 e le misure da prendere nei tempi della variante Omicron. Questo è anche un summit decisivo sul campo energetico: già ad ottobre il tema del caro bollette era stato tra le principali preoccupazioni dei leader, l’ultimo vertice del 2021 deve lasciare una linea politica chiara sul tema. La Bielorussia con la sua “guerra ibrida” e le tensioni in Ucraina sono anch’esse in agenda, come pure le frontiere esterne e la “bussola strategica”, cioè il piano per irrobustire una difesa comune europea. 

LA VARIANTE E L’ITALIA

Il primo punto che i leader hanno dovuto affrontare è questo: la tenuta o meno di un coordinamento europeo nella gestione pandemica. La scelta del governo italiano di introdurre i test anche per vaccinati, anche per chi proviene da altri paesi della stessa Ue, crea qualche imbarazzo in Europa per due motivi. Il primo è che «la decisione non ci è stata notificata», ha fatto notare la Commissione europea. Le scelte condivise a livello europeo infatti non escludono l’introduzione di misure ulteriori, purché proporzionate e giustificate, ma c’è l’obbligo di informare Bruxelles di questa scelta. Scelta che rischia di incrinare il sistema di Certificato Covid a livello europeo. Ed è questa l’altra, più profonda, ragione di dibattito oggi: quando è stato concepito, il pass Ue serviva proprio per garantire una interoperabilità tra i sistemi dei vari paesi e doveva quindi garantire una fluida circolazione. Ad oggi, il punto è la durata: l’Europa vuole che dopo nove mesi il pass vada rinnovato (in altre parole, serve un richiamo vaccinale). Ma se si introduce l’obbligo di test, questo sistema si incrina. 

Le spiegazioni di Draghi

Durante il vertice, il premier italiano ha ricostruito le motivazioni che lo hanno portato a introdurre l’obbligo di test anche per chi è vaccinato e arriva da altri paesi Ue. La sintesi è che l’Italia, da quando la pandemia è iniziata, ha pagato un costo molto alto sia in termini di decessi, 135mila, che sul piano economico, con una caduta pari al 9 per cento del Pil. Ma al momento, grazie all’alto tasso di vaccinati, circa l’85 per cento, il paese ha un buon vantaggio; per ora la variante Omicron è meno diffusa in Italia che in altri stati membri, ha sottolineato il premier. Non proteggersi dalla circolazione della variante significa disperdere questo vantaggio e compromettere il sistema sanitario nazionale. «Occorre mantenere questo vantaggio a protezione del nostro sistema sanitario nazionale», ha detto Draghi: questa la ragione alla base della decisione di far fare i test a chi entra in Italia. 

PANDEMIA, LE DECISIONI DEI LEADER

Le conclusioni dei capi di stato e di governo per quel che riguarda la gestione della pandemia e di Omicron.

Vaccini

«Il Consiglio europeo si confronta con il peggioramento della situazione epidemiologica nell’Ue e con l’impatto dell’emergere di Omicron, la nuova variante che desta preoccupazione. I capi di stato e di foverno ribadiscono l’importanza vitale della vaccinazione per contrastare la pandemia. Continuare a vaccinare tutto e a distribuire i richiami vaccinali è cruciale e urgente. In questo contesto, la chiave è superare l’esitazione a vaccinarsi, dunque anche lottare contro la disinformazione. Oltre alla vaccinazione, bisogna andare avanti con la strategia europea per le terapie anti-Covid, compresi gli acquisti comuni».

Coordinarsi

«Bisogna continuare con gli sforzi coordinati per fronteggiare i recenti sviluppi basandosi sulle evidenze scientifiche, e bisogna assicurare che qualsiasi restrizione sia basata su criteri oggettivi e non mini il funzionamento del mercato comune né comprometta in modo sproporzionato la libera circolazione tra stati membri o la possibilità di viaggiare all’interno dell’Unione. Il Consiglio europeo chiede che avvenga in modo rapido l’adozione della raccomandazione rivista del Consiglio, che riguarda la libera e sicura circolazione, e di quella sui viaggi non essenziali all’interno dell’Ue.

La durata del pass

Sottolineiamo anche l’importanza di un approccio coordinato sulla validità del certificato vaccinale covid e prendiamo atto dell’impegno della Commissione ad adottare un atto delegato sul tema».

LA SITUAZIONE IN EUROPA

Questa è la mappa elaborata dal centro epidemiologico dell’Ue (l’Ecdc, il centro europeo di prevenzione e controllo malattie) e che serve proprio come base per valutare le misure coordinate. Mostra la situazione epidemiologica all’interno dell’Unione europea.

Nessun cambio di rotta sulla strategia globale

Senza vaccinazioni a livello globale, e senza cioè vaccini per tutti, nessuno è al sicuro, anche per il proliferare di nuove varianti. L’Organizzazione mondiale della sanità lo dice da tempo e i leader europei lo sanno. Ma neppure in questo Consiglio europeo arriva la svolta sulla deroga ai brevetti, invocata da Joe Biden come necessaria e urgente ancor più dopo l’esperienza Omicron. I leader nelle conclusioni continuano a far riferimento a «donazioni» e «aiuti a chi ne ha bisogno». Soluzioni già dimostratesi inadeguate, e donazioni che rimangono assai inferiori agli annunci fatti. 

L’INTERVENTO DI SASSOLI E IL CASO ITALIANO

Qui il discorso integrate del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. Interrogato su come valuti la scelta italiana di introdurre tamponi, Sassoli da una parte invita a una azione coordinata, dall’altra riconosce che finché l’Ue non avrà accelerato su un progetto comune di Unione della salute, non avrà neppure gli strumenti adeguati per una reazione rapida all’emergenza; il che in qualche modo giustifica le scelte degli stati.

Sassoli dice che: «Siamo molto felici che in un breve periodo di tempo sia stato adottato il certificato Covid a livello europeo, al contempo l’azione deve essere coordinata. L’Ue non ha la capacità di reagire molto rapidamente su Covid e da inizio pandemia abbiamo detto che non possiamo uscire dalla situazione senza una Unione della salute; anche la presidenza tedesca si è focalizzata su questo. Ma tuttora siamo in ritardo su questo progetto. Molti paesi vogliono far da soli, o prendono differenti approcci e misure. Quel che ci serve è approccio condiviso».

IL BELGIO INVOCA UNITà 

Alexander De Croo, il premier belga, prende posizione e dice: «Se ciascun paese torna ad agire per conto suo, le cose si faranno sempre più difficili. Dobbiamo assolutamente impegnarci a mantenere un approccio omogeneo in tutta Europa». Per De Croo il pass europeo funziona finché viene adattato alle nuove esigenze: «Serve il richiamo, ora è importante, e bisogna motivare le persone a fare quella dose ulteriore».

© Riproduzione riservata