Paolo Borsellino

Fatti

Una strage senza verità, falsi pentiti e “assassini” innocenti

Gli «assassini» di Paolo Borsellino si trovano presto. Dopo pochi mesi. Per quasi vent’anni alcuni di loro marciscono in carcere. Poi tornano in libertà. È un falso pentito quello che li ha accusati, l’indagine è stata avvelenata per portare tutti lontano dalla verità. Come sempre, in Italia.

Fatti

L’ultimo discorso pubblico a Palermo è il suo testamento

Fatti

Una corsa contro il tempo, Paolo Borsellino sempre più isolato

Fatti

Giovanni Falcone e l’idea della “Superprocura” antimafia

1234567