Elena Ferrante

Cultura

Piccole case editrici, chi ha fatto a pezzi i loro sogni?

La «stanza editrice» e quei libri pubblicati nell’ottobre del 1979. Poi gli istituti di credito, le ipoteche, la rendita immobiliare e l’idea che «se non si sapevano trasformare i libri in danaro, meglio non imbarcarsi nell’impresa»