Eni

Economia

L’Eni rifiuta le modifiche del contratto di Gazprom ma paga come vuole Putin

La guerra dei contratti del metano tra Unione europea e Russia continua ogni giorno con un nuovo incomprensibile capitolo. Sulla carta. Perché l’esito per l’Italia finora è chiaro e sempre lo stesso: l’Eni, primo importatore europeo, continua a pagare il metano e Gazprom continua fornirlo

123456