Il Domani: Ultime notizie in tempo reale

Caso Cospito

Pd ancora ad alta la tensione contro Fdi, ma l’opposizione procede divisa

Ma la minoranza battibecca e pasticcia. Renzi e M5s litigano sul caso Palamara. E l’esposto in procura del verde Bonelli irrita i dem: perché di fatto «ha fornito l’alibi al Guardasigilli per non rispondere». C’è di peggio: fra i dirigenti del Nazareno circolano i dati sul «sentiment» dei social sul caso Cospito: negativo sulla visita in carcere dei parlamentari Pd. Prevale chi vuole il carcere duro per terroristi e mafiosi rispetto chi pensa agli aspetti umanitari.

Italia

Milleproroghe, il governo arretra sulle plusvalenze. E conferma i dirigenti pensionati

Tra tanti stop e qualche ripartenza, il governo ha plasmato il provvedimento, in esame al Senato, a propria immagine e somiglianza. I vertici delle amministrazioni pubbliche, dalla Rai alla Consob, possono essere confermati anche se “in quiescenza”

idee per capire dove va il mondo

Scenari va a Pesaro

Tre giorni di incontri, dibattiti ed eventualmente anche provocazioni sulla geopolitica con analisti internazionali e firme del nostro inserto. Ecco un primo assaggio del programma

Fatti

‘ndrangheta: sequestrati 45 milioni a due imprenditori

I fratelli Berna operano da anni nel settore edile e nonostante abbiano collaborato con la magistratura, la Dda di Reggio Calabria ritiene che abbiano continuato ad aver rapporti proficui con le organizzazioni criminali

Il caso Rupnik

Italia

La prefettura blinda Sanremo, al Viminale per ora non risultano minacce per il Festival

Attorno all’Ariston ci sarà una “zona rossa”, controlli rafforzati anche in piazza Colombo. In città ci saranno 250 agenti tra polizia, carabinieri e guardia di Finanza per mantenere la sicurezza. Una fonte del ministero dell’Interno riferisce a Domani che per ora non ci sono allarmi specifici. Il ministro Piantedosi non parla di preoccupazione ma di massima attenzione

Fatti

Per Mura il tour non era solo ciclismo, ma anche enogastronomia

Il noto giornalista sportivo, scomparso il 21 marzo del 2020, è stato anche un apprezzato critico enogastronomico. Tra i primi a capire che dietro un piatto o un ristorante c’era sempre una storia da raccontare

Italia

Cospito, Meloni telefona in tv e Delmastro dice che Donzelli non doveva leggere l’informativa

Il sottosegretario racconta al Foglio le circostanze del passaggio delle informazioni, gliele ha raccontate prima del suo intervento alla Camera: «Prendeva appunti». Sono coinquilini, ma adesso sta pensando di cambiare casa

intervista alla ombudsman europea

Emily O’Reilly: «I silenzi di von der Leyen sui vaccini e le riforme dopo il caso Qatar»

Emily O’Reilly, la difensora civica europea, è più indaffarata che mai visti gli scandali in corso a Bruxelles. In questa intervista ripercorre i silenzi di von der Leyen sui vaccini, le porte girevoli in Ue e le riforme necessarie dopo lo scandalo Qatar. «Manca la volontà politica»

Pro / Contro

Da non perdere

Cultura

Se imparare richiede coraggio, figuriamoci disimparare

Nord est, sabato pomeriggio, biblioteca di provincia. Nella sala dei libri per ragazzi, una dozzina di bambine e bambini.  Loro provano a scrivere una storia, una poesia. Io provo a insegnarglielo

Fatti

Come i social sono diventati la nuova televisione

Da amici su Facebook siamo diventati follower su Instagram e infine spettatori su TikTok, che recuperando i meccanismi comunicativi di un’epoca precedente ha chiuso il cerchio

Italia

Non è vero che l’Ue ci impone il Nutri-Score e la farina di grilli

Diverse iniziative adottate recentemente in ambito UE - dalle etichette dei vini al Nutri-Score alla farina di grilli - vengono commentate da esponenti della maggioranza di governo come se fossero un attentato alla sovranità alimentare del Paese. Prospettare vittimisticamente l’esistenza di minacce a questo o quel settore nazionale è una strategia che sarebbe meglio evitare

la newsletter paneuropea #17

European Focus 17. Lavoratori unitevi!

L'iniziativa di Domani, Libération, Tagesspiegel, El Confidencial, Hvg, Gazeta Wyborcza, Delfi, Balkan Insight e n-ost vuole vitalizzare il dibattito pubblico e la democrazia europea. Alle proteste dei lavoratori e ai tentativi di reprimerle è dedicata la diciassettesima edizione della nostra newsletter paneuropea, che esce ogni mercoledì ed è gratuita. Iscriviti qui

L’arresto del capo dei capi

Le accuse contro Mori e Ultimo (poi assolti): avere favorito Cosa nostra

La pluralità di condotte contestate si rivolge nei confronti di uno stesso soggetto beneficiato, “Cosa nostra”; si consuma il giorno della scoperta della inesistenza del servizio di osservazione su via Bernini, ovvero il 30.1.93 quando il col. Mario Mori, nel corso di una riunione, comunicò questa situazione di fatto ai magistrati della Procura di Palermo ed agli ufficiali dell’Arma.

L’arresto del capo dei capi

Il sospetto: dentro Cosa Nostra qualcuno si è venduto il capo dei capi?

Subito dopo l’arresto si diffuse in Cosa nostra la convinzione che il Riina fosse stato consegnato ai carabinieri. D’altronde, sospetti di tal genere circolavano in modo incontrollato e potevano riguardare chiunque, tanto che – ha riferito Giuffré – anche sullo stesso Provenzano circolavano voci insistenti che lo accusavano di passare informazioni ai carabinieri...